Assicurazione auto elettriche: i nuovi rischi da coprire

Assicurazione auto elettriche: i nuovi rischi da coprire
Assicurazione auto elettriche: i nuovi rischi da coprire

L’ assicurazione delle auto elettriche dovrà necessariamente tenere conto dei nuovi rischi connessi all’ uso delle vetture con motore a batteria.

Il passaggio verso la mobilità elettrica porterà a una trasformazione del rischio per produttori, fornitori e assicuratori. Ciò avrà un impatto significativo sulla responsabilità civile per i prodotti automobilistici.

Ciò risulta dal rapporto ‘The Electric Vehicles R-ev-olution: Future Risk And Insurance Implications’ curato da Allianz Global Corporate & Specialty (AGCS).

L’ analisi afferma che l’uso delle auto elettriche aumenterà in futuro. Un processo inevitabile che l’emergenza Coronavirus potrà solo rallentare ma non fermare.

L’ Agenzia Internazionale per l’ Energia stima che sulle strade nel 2030 ci saranno oltre 100 milioni di veicoli elettrici, rispetto ai circa 7 milioni di oggi, con vendite annuali di circa 20 milioni di veicoli.

Questa crescita comporta una serie di rischi tecnici e operativi, sia dal punto di vista della responsabilità civile del prodotto, sia per gli altri aspetti.

I test dell’Allianz Center for Technology hanno evidenziato che i componenti ad alto voltaggio delle auto elettriche sono di norma ben protetti. Per questo motivo non dovrebbero essere danneggiati nella maggior parte degli incidenti.

In più le EV hanno meno probabilità di essere coinvolte in sinistri stradali, poiché di solito percorrono brevi distanze.

Ma nel caso i danni possono essere, in media, più costosi rispetto alle auto tradizionali.

Per esempio l’AGCS stima che la necessità di sostituire la batteria di un’ automobile elettrica potrebbe comportare in molti casi la perdita totale del mezzo.

Le problematiche delle auto elettriche

Anche il fatto di potersi recare solo presso officine specializzate fa si che i costi aumentino.

In pratica la durata della batteria, la qualità delle prestazioni e i costi di riparazione e rimpiazzo sono temi delicati per le vetture elettriche. Questi fanno pensare a seri problemi di responsabilità per produttori e fornitori.

Non c’è poi da trascurare che i componenti elettrici difettosi e i cortocircuiti possono innescare un incendio.

Ma le batterie agli ioni di Litio dei mezzi elettrici possono bruciare se danneggiate, sovraccaricate o sottoposte a temperature elevate. E ciò può provocare incendi molto intensi e difficili da estinguere e che rilasciano alti livelli di gas tossici.

E non si deve sottovalutare l’aspetto ambientale.

Infatti le auto elettriche, quindi “green” vanno con batterie che, in previsione di una maggiore diffusione di questi mezzi, determineranno un enorme incremento della domanda di Cobalto e Litio, che supererà la fornitura attuale. Addirittura si prevede che la richiesta di Litio triplicherà entro il 2025.

Le batterie ad alta tensione rappresentano un alto rischio di inquinamento, se non smaltite in modo corretto.

Altri nuovi rischi dell’ utilizzo di auto elettriche riguardano la velocità d’immissione sul mercato di questi mezzi. Ovvero l’ aumento delle richieste potrebbe originare un aumento dei difetti di produzione e una diminuzione della qualità dei materiali.

E così si possono verificare richiami di prodotti che sono già tra i più grandi e complessi rispetto a qualsiasi altro settore.

E poi c’è il tema cyber-risk, dovuto all’aumento della connettività. Questo può dare luogo a pericolose vulnerabilità informatiche, compresa la minaccia di attacchi, interruzioni di sistema, tipo guasti informatici, detti anche bug e anomalie chiamate glitch, che si sono già verificati.

Conclusione

Il rapporto AGCS conclude che la mobilità elettrica avrà molte novità per le coperture assicurative e i relativi sinistri. La tecnologia crea nuovi rischi ed esposizioni e quindi muta la responsabilità civile.

In effetti i rischi di incendio e di esplosione associabili alle batterie ad alta tensione potrebbero dare luogo ad importanti richieste di risarcimento per gli assicuratori dei rischi civili, in particolare nel caso in cui auto elettriche siano lasciate in parcheggi sotterranei.

Sono diversi i sinistri che non erano stati mai presi in considerazione dall’assicurazione.

Per esempio dai cavi delle batterie surriscaldati che provocano incendi e danni alle cose, fino ai guasti che originano gli stessi incendi in conseguenza del mal funzionamento del sistema di gestione delle batterie.

Fonte:

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *